Eventi e Mostre a Firenze

mostre
logo
  Data di arrivo   Data di partenza   Numero di persone    

Mostre ed Eventi


Ed ecco la Firenze card


La  Firenze Card  è  la speciale carta dedicata ai turisti nella città di Firenze,

La Firenze Card  è uno strumento per usufruire al meglio dell'offerta culturale della città. Valida 72 ore, permette di accedere a circa 30 musei e luoghi monumentali di Firenze senza bisogno di prenotazione; inoltre dà diritto a viaggiare sulla rete di autobus urbana.

Costa € 50,00 ed ogni titolare di card può affiancare nei benefit un minore di 18 anni: questa agevolazione vale solo per i cittadini dell'Unione Europea.Inoltre chi l'acquista riceve un kit informativo sui musei che aderiscono. Ti ricordiamo che fra questi sono presenti le Ville Medicee, sia quelle fiorentine che quelle di Poggio a Caiano e Cerreto Guidi.L'attivazione della card parte con il primo utilizzo. Il titolare la deve personalizzare con nome e cognome, la card non è cedibile.La si può acquistare presso alcuni dei musei stessi, presso l'ufficio informazioni turistiche del Comune di Firenze, piazza Stazione 4, presso quello APT via Cavour 1R (da lunedì al sabato) ma anche online.

Tutte le informazioni sul sito www.firenzecard.it

Pontormo e Rosso Fiorentino 08 marzo 20 Luglio - Palazzo Strozzi


Un percorso cronologico che illustra le opere dei due discepoli di Andrea del Sarto, partiti dalla stessa bottega ma con percorsi di vita e artistici divergenti.Pontormo, dal carattere difficile ediffidente, artista prediletto da Cosimo I è rimasto molto attivo a Firenze; Rosso, che ha lavorato molto in Toscana - la sua opera più conosciuta è la Deposizione di Volterra - e poi ha preso la via di Francia diventando pittore di corte presso Francesco I.

Le circa 80 opere esposte provengono da musei toscani e internazionali. Si tratta di tavole, disegni, arazzi.In occasione della msotra viene presentata la grande pala d'altare La Visitazione di Pontormo, completamente restaurata.

Pollock e Michelangelo - dal 16 aprile al 27 luglio presso Palazzo Vecchio


La città di Firenze si prepara a rendere omaggio a Jackson Pollock (1912 -1956), uno dei grandi protagonisti dell’arte mondiale del XX secolo, che ha scardinato le regole dell’arte  figurativa occidentale. Per la prima volta si accosterà idealmente la sua opera con quella di Michelangelo Buonarroti (1475-1564), di cui quest’anno si celebra il 450° anniversario  della morte.
La mostra, promossa dal Comune di Firenze con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e la collaborazione dell’Opificio delle pietre dure di Firenze, è ideata e curata da Sergio Risaliti e Francesca Campana Comparini e sarà allestita presso Palazzo Vecchio simbolo del potere politico di Firenze e della città che fece dell’arte un elemento di forza della propria civiltà e del proprio prestigio nel mondo. Proprio a Palazzo Vecchio, dove nel Salone dei Cinquecento è ospitato “Il Genio della Vittoria” di Buonarroti, saranno esposte 16 opere di Pollock: in mostra 6 disegni – eccezionalmente prestati dal Metropolitan Museum di New York e per la prima volta esposti in Italia -, oltre a dipinti e incisioni provenienti da musei internazionali e collezioni private. Presenti anche prestiti dalla Pollock Krasner Foundation.
Michelangelo e Pollock hanno in comune la ‘furia’ dell’atto creativo, che assume una valenza mistica nella ricerca della bellezza come assoluto e dell’infinito come limite e scopo dell’azione artistica. Pollock introdusse un modo totalmente nuovo di dipingere, partendo dalla comprensione della grande personalità artistica di Michelangelo e della sublime tragica dimensione della sua opera.

La mostra sarà visitabile dal 16 aprile al 27 luglio presso Palazzo Vecchio

Fiabe e leggende di un calzolaio fino al 18 Maggio 2014


Il calzolaio delle favole è Salvatore Ferragamo, perché la sua storia  ha aspetti mitici e assomiglia a un miracolo. Da bambini abbiamo ascoltato tante fiabe sulle scarpe, su chi le produceva con il suo lavoro, sulle botteghe del calzolaio. Mettiamo insieme queste due cose ed avremo la nuova mostra al Museo Ferragamo.

 Il calzolaio prodigioso. Fiabe e leggende di scarpe e calzolai è aperta al Museo Ferragamo e come in un incanto presenta fiabe e manoscritti a tema scarpe.

è come una serie di suggestioni concatenate fra di loro, con tanti spunti che spingono a sognare e lasciarsi portare dalla fantasia.

Da Cenerentola a La zapatera prodigiosa di Garcia Lorca, tanti volumi e manoscritti; dodici film di repertorio, scarpe di ogni tempo e provenienti da vari musei fiorentini, oltre alle creazioni di Salvatore Ferragamo, fatte per le dive del cinema ed esposte stabilmente in piazza Santa Trinita.

Per la mostra e ispirati dai temi proposti alcuni artisti, poeti e filmmaker hanno prodotto fiabe nuove e cortometraggi, che costituiscono un aparte importante dell'esposizione.

Artisti di tanti paesi e tante epoche diverse, da Giambologna a Mimmo Paladino, sono rappresentati con opere dal tema scarpa.

Una mostra tutta da scoprire e da affrontare con stupore e curiosità.

Palazzo Vecchio fa le ore piccole


Dal 2 al 31 maggio il Palazzo è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 24.00, escluso il giovedì (9 – 14). Sarà quindi possibile uscire dopo cena, farsi una tranquilla passeggiata per le vie del centro, magari prendersi un gelato e poi visitare le splendide sale di Palazzo Vecchio.Il Museo dei Ragazzi, ospitato a Palazzo Vecchio, organizza per tutto il mese visite guidate serali ai camminamenti e alle stanze segrete del Palazzo. Le visite, che durano circa un’ora e mezza, si tengono lunedì, venerdì e sabato alle 18.30 e alle 21.30.

Giardino dell'iris


Giardino dell'iris: dal 2 al 20 maggio.
Lunedì-venerdì: 10-12,30; 15-19. (chiuso il primo lunedì) sabato e domenica: 10-19.
Ingresso: gratuito 

Il giardino dell’iris si trova a Firenze, vicino al piazzale Michelangelo, e in genere è aperto nel mese di maggio.

L'iris è il fiore simbolo di Firenze. Spesso chiamato giaggiolo, o più comunemente giglio (il giglio di Francia, il giglio del gonfalone di Firenze, il giglio della Fiorentina, Firenze 'città gigliata') in realtà è sempre l'iris,  che cresce spontaneamente nella valle dell’Arno e nelle colline intorno a Firenze. Molti i colori, fra i quali i più comuni sono sul viola chiaro (Iris Pallida) e viola scuro (Iris Germanica), oltre al bianco venato d’azzurro (Iris florentina) un tempo diffuso, oggi più raro. 
Una curiosità storica: il giglio fiorentino del gonfalone era originariamente bianco su sfondo rosso; fu mutato in rosso su campo bianco dai guelfi nel 1266, come segno di vittoria sui ghibellini.

Per gli amanti di questo fiore uno spettacolo veramente unico è offerto dal giardino dell’iris di Firenze, gestito dalla Società italiana dell’iris. Situato al Piazzale Michelangelo, nel lato est digradante verso l’Arno, il giardino - aperto dal 2 al 20 maggio tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 - è una straordinaria mostra vivente di oltre 3000 varietà di iris.





Also visit our Historical Residence in Florence,
our Suite Apartments in Florence | Johanna

Visitaci durante la Bassa Stagione a Firenze! »
Visit us during the Low Season in Florence! »
Beachten Sie unsere Last-Minute-Angebote und buchen Sie online! »

English | Italiano | Français | Deutsch | Español | Japanese